3. La storia della società: il nuovo progetto per l’Eccellenza

Arriva un nuovo ripescaggio ed arriva anche un progetto per dare lustro alla società: raggiungere l'Eccellenza in tre anni. Per centrare l'obiettivo il presidente Cavina fa sedere sulla panchina Stefano Evangelisti (ve lo ricordate? ...stagione 89/90) e come direttore sportivo Manuel Ricci (anche lui lo abbiamo già menzionato). Per creare le fondamenta per il salto di categoria arrivano a Classe volti nuovi come Daniele Bovo (portiere che per la Promozione è un lusso), Poggi e Casto fanno della difesa il fiore all'occhiello della squadra e a centrocampo Matteo Guardigli che sarà più che determinante nella stagione. Tra i baby si mette in luce Matteo Urbinati.

Le cose non vanno come previsto, ma vanno meglio! Il duo Ricci-Evangelisti fa di testa propria e l'Eccellenza arriva subito. Stagione indimenticabile con tutto il girone di andata nel gruppo di testa oscillando sempre tra il primo ed il terzo posto. Un leggero calo all'inizio del girone di ritorno ma play off conquistati cogliendo l'ultimo posto utile. Il primo scontro di play off è a Castrocaro (battuto due volte 1-0 in campionato): segna Guardigli in apertura e il resto lo fanno Bovo e un po' di fortuna. La partita decisiva per il salto di categoria è a Cesenatico contro il Bakia. C'è solo un risultato utile, la vittoria. Pochi minuti e Guardigli (ve lo avevo detto o no?) di destro infila il gol del vantaggio. Controlliamo la partita ed alla fine è festa grande con cena in pizzeria (di più non possiamo permetterci) e chissà forse anche qualche lacrima di gioia.

Stagione 2015/16 con la squadra confermata quasi per intero. Al timone sempre Evangelisti e Ricci, naturalmente. L'obiettivo è fare bella figura e lottare fino all'ultima goccia di sudore per onorare la maglia. Un gruppo fantastico di belle persone, ancor prima che dei bravi giocatori, ed il risultato finale è un 6° posto che entra di diritto nella storia del nostro piccolo ma glorioso club. E' ancora una volta capitan Guardigli a dare l'esempio e a trascinare la squadra. Tra i ragazzi spiccano le prestazioni di Larese Filon, che stuzzica l'attenzione di squadre di categoria superiore, Fabio Succi, prodotto del nostro vivaio (con esperienze nel Cesena e nell'Imolese) e Dario De Rose.

Stagione 2016/17 si parte per non soffrire, come da programma, ma ci si accorge presto che qualcosa non va come preventivato. Questa squadra non è fatta per la parte destra della classifica, ed infatti non ci si affaccerà mai: 38 partite disputate con solo 5 sconfitte (tutte lontane da casa) ed un prestigioso terzo posto ottenuto (ad un punto dal Sasso Marconi, sfiorando gli spareggi per la Serie D). Sugli scudi ancora lui, capitan Guardigli, faro in campo e negli spogliatoi della squadra Biancorossa. Intanto Matteo Cortesi si mette in luce come uno dei più promettenti giocatori del campionato. Con lui brilla per continuità di rendimento Francesco Ceroni ed in generale tutta la difesa, con Kadir Caidi e Fabio Succi centrali di sicuro affidamento. Arriva anche la prima tripletta in Eccellenza (Matteo Trovato) ed anche la prima vittoria con 4 reti di scarto (Faenza). Ma non è solo la Prima Squadra a brillare; la Juniores vince il proprio girone ed abbandona la competizione solo nelle fasi finali, battuta, oltre che dagli avversari, da infortuni e gite scolastiche che costringono mister Pilato ad improvvisare le formazioni. La rivincita, però, arriva al torneo di Bagnacavallo, vinto brillantemente. Anche i piccolini si comportano da protagonisti, con prestazioni decisamente sopra le righe nel prestigioso torneo Tassi. La stagione successiva sarà ancora mister Evangelisti a guidare la prima squadra dalla panchina, mentre in campo non ci sarà Matteo Guardigli. Delle sue splendide stagioni resteranno i numeri, della persona resteranno i ricordi che valgono molto di più.